Contatore Visite
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi4
mod_vvisit_counterIeri119
mod_vvisit_counterQuesta settimana398
mod_vvisit_counterQuesto mese2392
mod_vvisit_counterTutto305008
News Letter Anticaquercia
UCN

Le vere origini di Halloween

logo

o .....Sacra Unione Druidica

Naturalmente quando si parla di matrimonio celtico intendiamo seguire, come ritualità, quella neo-pagana druidica.
Insieme al contratto vero e proprio dell’unione di una coppia, che poteva essere a termine e quindi durare un anno ed un giorno, oppure vitalizia, fino alla morte ed oltre, vi e’ il rito di fertilità’ ed abbondanza che caratterizza la buona riuscita dell’unione di due persone, che e’ l’elemento più importante e sacro nel così detto "matrimonio" che significa letteralmente " rendere madre", a ciò facciamo un appunto del nostro rito di passaggio che non viene denominato matrimonio druidico ma "rito della sacra unione"  perchè è  senza distinzione sessuale.

 

Ricordiamo che la classe sacerdotale dei Druidi nel passato celebrava i loro riti non in templi di pietra ma nel cuore delle foreste, vicino a fonti sacre oppure nelle radure delimitate da cerchi di pietra, dove, in questi luoghi di potere, il connubio con Danu/Gaia (la madre terra) era completo e perfettamente in relazione con la solarita’ del Dio.
L’uomo non deve mai dimenticare la sua natura "animale", che pur evoluto, gli istinti legati al mondo selvatico sono sempre latenti, e solamente la sacralità della natura potrà infondere le giuste energie ed eliminare quelle nocive e deleterie.

 

Per i matrimoni a termine storicamente si usava celebrarli durante la festa di Lughnasad/festa del Grano, dove innanzi al Re ed alla Regina si stipulava il contratto e ci si scambiava la sacra fiamma della passione.


Sia nella dimensione storica antica che nel neo-paganesimo attuale, da Beltane in poi( sino a Samonios) si possono celebrare i matrimoni che uniscono la coppia con il rito d’abbondanza e fertilità, infatti, insieme alla rinascita stagionale della natura con la primavera, allo stesso modo l’uomo  pone in relazione  le sue energie con quelle cosmiche e telluriche  che le Divinità donano in questo periodo.
Per tradizione magica la coppia in procinto della sacra unione sette giorni prima attua una serie di atti purificatori con l’utilizzo dei quattro elementi ( aria, fuoco, acqua e terra) ed intrecciano insieme una corda di colore bianco e rosso (Dea e Dio, Femminile e Maschile) rappresentante la loro unione.
I due sposi dovranno provvedere all’allestimento dell’altare ed alle offerte che saranno date alle energie sottili o spiriti guardiani dei luoghi ed a quelle che generano l’invidia e la negatività, quest'ultime una volta chiamate e "sfamate" saranno allontanate dalla celebrazione, trattasi comunque di un atto di magia "simpatica".

La coppia dovrà anche scegliere una pietra semplice che sarà il ricettacolo della loro memoria storica, una volta lavata e purificata gli sarà impressa, attraverso il tocco, le energie ed il ricordo della propria famiglia tramandando una tradizione, e la pietra stessa, di generazione in generazione.Si susseguiranno poi, il momento della libagione con la bevanda sacra dell’idromele, dove la coppia si metterà in relazione con il proprio divino, lo scambio della sacra fiamma dell’amore che insieme andrà ad accenderne una unica rappresentante la passione della loro vita e la lettura delle promesse
Infine la sacra unione delle mani attraverso una verga di stagno, dove alle estremità vi sarà rappresentata un’animale che simboleggia la Dea e dall’altra il Dio, come il serpente ed il toro, oppure si puo' utilizzare il nastro bianco e rosso intrecciato dagli sposi.
Il rituale si conclude con una benedizione del Druido/a officiante utilizzando il vischio, pianta tra le piu' sacre della tradizione Druidica ed il falcetto catalizzatore delle energie divine femminili e maschili e con grande gioia di tutti i partecipanti verranno poi serviti sontuosi banchetti, dove nella nostra tradizione non mancheranno libagioni come cinghiale ed idromele, e festose danze circolari che rappresenteranno la continuità del tempo.

A tutti voi Salute e Prosperità.

Ossian